Note:

Le note vengono visualizzate in questa colonna cliccando sul riferimento

Compromessi nel lavoro con i gatti

02/02/2015

Occuparsi di gatti in un rifugio significa dover prendere atto di "stati di necessità" e quindi cercare di fare il meglio nelle condizioni date. In altre parole: scendere a compromessi.

Una delle questioni piu’ sentite, anche se non la più importante, è quella della convivenza tra gatti sani e gatti FIV o FeLV positivi. Sappiamo che si tratta di malattie trasmissibili, che per il FIV non c’è vaccino e che per il FeLV, il virus più pericoloso, quelli esistenti non sono la soluzione. Di qui l’indicazione di evitare la convivenza (sopratutto per quanto riguarda gatti FeLV e sani).
I gatti si possono testare, è vero, ma i tutti i test presentano dei "margini di errore" e non testano sempre "la stessa cosa": inoltre, il FeLV si sviluppa in modo piuttosto anomalo e un semplice test non garantisce un risultato ragionevolmente certo.
Ma anche ammesso di testare i gatti in modo affidabile, che si fa quando la possibilità di separazione non c’è? …di solito si comincia il giro delle telefonate per cercare la persona o il rifugio che possa accogliere il micio FeLV positivo. Sono colloqui spiacevoli per chi si trova a dover chiedere e per chi si trova spesso a dover dire di no…

Purtroppo le strutture o le persone che si occupano specificatamente di gatti FeLV sono ancora più rare dei già rari gattili …e di gatti FeLV positivi ce ne sono tanti. In termini logici, quando non c’è possibilità di accoglienza, quando non ci sono strutture adatte per la separazione restano solo tre soluzioni: o si fa l’eutanasia ai gatti FeLV (e non è proprio da fare) o li si abbandona al loro destino o si accetta di mettere a rischio gli altri.

E’ da "criminali"? No, è prendere coscienza di uno stato di necessità che riguarda la gestione dei gatti FeLV come di tanti altri aspetti di questo lavoro. Non è rassegnarsi a fare le cose male ma cercare le possibili soluzioni per contenere o minimizzare i rischi, avendo ben presente che non c’è solo la questione "FeLV" e che bisogna valutare i problemi sia nello specifico che nel loro insieme.

Ci sono tante cose che non si riescono a fare bene vuoi per ragioni economiche, strutturali, organizzative e …diciamolo pure, culturali. In questo piccolo elenco ne trovate alcune:

  • Sterilizzazioni fatte al risparmio: molti gatti, giovani e sani, muoiono per via di interventi fatti male o di procedure di reinserimento troppo disinvolte: solo qualche volta per autentica fatalità. Questo perché c’è la falsa idea che una sterilizzazione sia in fondo una stupidaggine e che quindi si possa "risparmiare".
  • Cure approssimative: non di rado si trascurano sintomi importanti, non si fanno gli esami preoperatori, si preferisce optare per un approccio sintomatico che non risolve e spesso aggrava il problema (es tipico: problemi odontoiatrici trattati solo farmacologicamente).
  • Le profilassi vaccinali e antiparassitarie: si trascurano, si considerano poco importanti (“cosa vuoi che siano due pulci…”) quando invece sono la base della prevenzione: che vuol dire benessere e salute dei gatti, soldi e tempo risparmiati.
  • Confusioni, allarmismi immotivati, sottovalutazioni: ancora troppo spesso si confonde la positività al coronavirus con la FIP; ci si pone il problema del contagio di un FeLV (rischio minimo) e si mettono assieme gattini di cui non si sa nulla con gatti non vaccinati (rischio molto alto di panleucopenia); si sottovalutano le parassitosi (specie quelle polmonari)
  • La gestione dei gattini: li si vuole “salvare tutti” e allora si mettono più cucciolate assieme, senza rispettare le indispensabili procedure igieniche, senza gabbie adatte …e poi arriva la panleucopenia che se ne porta via la metà quando va bene.

Ma ci sono anche altre cose che non si riescono a fare o si fanno male: le quarantene, il controllo delle infezioni fungine (anche quando non si vedono e a maggior ragione sarebbero importanti nei gatti che si danno in adozione), la somministrazione delle diete per determinate patologie (es. molto utili nelle patologie renali, "indispensabili" su gatti allergici o diabetici).

Non c’e’ solo FIV e FeLV. Di danni, anche gravi, ne facciamo in tante altre circostanze. Si può migliorare qualcosa? Limitare i danni almeno in parte? Crediamo di sì.

  • Le sterilizzazioni: facciamone qualcuna in meno, ma facciamole bene. Adottiamo un protocollo che limiti i rischi e soprattutto non facciamo "aste al ribasso"
  • Cure approssimative: non sempre si può fare il massimo, ma se non usciamo dall’ottica dell'antibiotico&cortisone, se non ci convinciamo che la cura segue la diagnosi e non il contrario, se cerchiamo il veterinario "a poco" e non quello bravo continueremo a fare casini, a far morire malamente dei gatti e a spendere male i soldi, pochi o non pochi che siano. Se non entriamo nell’ottica che un approccio medico corretto tante volte fa anche “risparmiare”, ci ritroveremo sempre a cambiare dieci volte la cura senza arrivare alla guarigione.
    Siamo d’accordo che tante volte l’approccio scientificamente corretto non e’ compatibile con la realta’ di un gattile in termini economici e gestionali: ma tra l'approssimazione, la superficialità e a volte una non eccelsa competenza e un corretto approccio "da rifugio" ...ce ne passa. In USA, ormai da una decina d'anni c'è una specializzazione apposita in medicina veterinaria: la "shelter medicine"(1). In due parole è un tentativo di integrare concetti, modalità operative e attenzione al rapporto vantaggi-costi mediate dalla medicina dei grandi animali e applicata ai piccoli. Quindi prevenzione in primis, solo gli esami indispensabili che ci possono indicare una terapia, criteri razionali per l'eutanasia: la shelter medicine non è antibiotico&cortisone e poi vada come vada.
  • Profilassi vaccinali e antiparassitarie: qui non è certo questione di costi ma solo di mentalità. I gatti si devono sempre vaccinare, FIV e FeLV compresi; le profilassi antiparassitarie vanno sempre fatte, magari non con la regolarità che ci si può aspettare da un proprietario attento ma vanno fatte ...e tante volte fanno anche risparmiare: basti pensare alle otiti parassitarie che comportano un intervento chirurgico complesso e costoso e si possono prevenire con un antiparassitario da pochi euro.
  • Confusioni, allarmismi immotivati sottovalutazioni: per evitare questi errori bisogna solo studiare e informarsi, ma su fonti qualificate e non su facebook. Chi lavora con i gatti deve cercare di essere "professionale": deve acquisire quelle conoscenze minime di medicina che sono indispensabili se si vogliono gestire degli animali. La passione, l'amore pergli animali sono indispensabili per fare questo mestiere ma non bastano.
  • La gestione dei gattini: ci sono delle precauzioni minime da adottare, sono descritte da varie fonti, eppure quasi mai vengono applicate. La panleucopenia "scappa" anche nelle migliori cliniche, non si può negare; ma se ogni anno, ad ogni stagione di cuccioli, succede una strage ...allora c'è qualcosa che non funziona, e al di là dei limiti delle strutture e’ questione di mentalita’ prima ancora che di oggettiva difficolta’.

Quindi chiediamoci: ha senso curare l’occhio malandato di un gattino presso il miglior specialista e poi rischiare la panleucopenia perché magari ci siamo dimenticati di vaccinarlo? Ha senso separare i gatti FeLV dai sani e poi trascurare le profilassi antiparassitarie quando di una brutta strongilosi si può morire? E a proposito di ciò che può o non può avere senso chiediamoci qual'è l'aspettativa di vita di un gatto di gattile e qual'è l'aspettativa di vita di un gatto FeLV ...e vedremo che non sono molto diverse.

Chi si occupa di un gattile o accoglie dei gatti dovrebbe entrare nell’ottica di puntare ad un equilibrio tra fattibilità, costi ed energie finalizzate al miglior livello sanitario possibile. Non il migliore in assoluto, ma il migliore possibile. Soprattutto evitando di fare il massimo su un fronte e lasciare poi l’altro scoperto.

In questo articolo abbiamo accennato a tanti argomenti quali le malattie infettive, i test, la disinfezione, ecc. di cui potrete trovare maggiori approfondimenti in altre sezioni e articoli del sito.

Indietro